“Lo sport come strumento per promuovere l’educazione, la salute, lo sviluppo e la pace” – Nazioni Unite risoluzione A/65 – 2010.

Parole come inclusione, partecipazione, solidarietà, sono alla base di questo percorso che trova nella Rete di rapporti tra associazioni e cittadini il modo più efficace di realizzazione. Del pari, attraverso la rete si può costruire una comunità sportiva e sociale capace di intercettare i bisogni e di organizzare progetti comuni sempre più efficaci per il ben-essere dei giovani.

Abbiamo creato una “sinergia strutturata” tra l’Istituto e le Società sportive aderenti al Progetto, che permette agli studenti che hanno scelto questo indirizzo, di poter approfondire e conoscere direttamente quali e quante professionalità siano presenti nel mondo sportivo. Tramite percorsi coordinati con docenti scolastici, medici, giornalisti, istruttori, dirigenti, amministratori, informatici ed animatori si crea una base formativa dove gli alunni vengono coinvolti anche all’interno delle associazioni, durante l’anno scolastico, acquisendone una  diretta conoscenza.

Il Progetto accompagna stabilmente l’Istituto, che ad oggi conta tre classi ma che tra due anni coprirà l’intero quinquennio stimando una presenza di circa centoventi/centocinquanta studenti, fornendo garanzie sul medio/lungo periodo in quanto già oggi un numero importante di società ha aderito alla Rete; inoltre Alma Sport Service ha il compito di ricercare fondi che permettano di coprire quelle spese che né l’Istituto né le Società sportive possono permettersi, quali l’affitto delle strutture sportive (piscina, palestre..), sale per formazione, rimborsi ai docenti, acquisto di materiale didattico ed attrezzature, spese relative a trasporti e borse di studio.

Le società sportive attualmente coinvolte, sono: UISP Bassa Romagna, Libertas Nuoto Ravenna, Rhythmic Ravenna, Compagnia dell’Albero, Teodora Pallavolo Ravenna, Circolo Tennis di Villanova di B.Cavallo.

Il Coni Ravenna ha subito aderito a questo progetto tant’è che la conferenza stampa, svoltasi nel mese di marzo 2016, è stata presentata presso la sua sede provinciale con la presenza dell’Assessore allo sport del Comune di Ravenna, il Presidente del Coni Regionale ed il Preside dell’istituto Oriani.

Pensiamo che questo intervento nella scuola sia un forte sostegno alla collettività e soprattutto rivolto al futuro dei ragazzi. La Rete che è stata costituita conta circa quindicimila iscritti, cioè quindicimila famiglie che, tramite le società di appartenenza, seguiranno passo per passo questo percorso potendo verificarne i risultati.

Scuola, Privati, Associazionismo, Enti di promozione sportiva, tutti alleati per qualificare un possibile ingresso degli studenti nel mondo del lavoro sportivo.

Un Progetto del tutto nuovo, che raccoglie diverse società e associazioni sportive del nostro territorio che si sono prese la responsabilità di formare i giovani che vorrebbero fare dello sport il loro futuro. Perché la realtà è che è stata data l’opportunità di creare questi indirizzi sportivi, ma tuttavia mancano i fondi e le risorse per poterli sviluppare al meglio. Il Progetto nasce col benestare del Coni Regione Emilia Romagna a sottolineare l’importanza di preparare gli studenti ad affrontare il lavoro nel mondo dello sport. Ed è questa la forza del progetto, ovvero non solo portare lo sport all’interno della scuola, ma ben sì portare gli studenti all’interno del vero mondo sportivo. Non solo sportivi infatti ma anche manager, dirigenti ed organizzatori di eventi sportivi, è questo l’obbiettivo del progetto, far capire che il mondo dello sport può offrire più di quanto si pensi. Una grande impresa ma soprattutto una grande idea che, sostiene l’ Assessore all’Ambiente e Sport del Comune di Ravenna Guido Guerrieri, “aumenta il valore aggiunto sia degli studenti sia del liceo ravennate che riuscirà così a formare gli studenti nel modo più adeguato e completo possibile”. Un’idea che riunisce UISP Ravenna, Libertas Nuoto Ravenna, Teodora, il circolo Tennis Spartaco Belletti, Rhythmic Ravenna e la Compagnia dell’Albero, e che grazie ai tre main sponsor, Ottima Formazione Srl, il Ristorante Al Portico di Ravenna e Sporty riuscirà ad autofinanziarsi
Nel mese di novembre 2016 ha preso concretamente il via il Progetto che vede coinvolte diverse società sportive ravennati ed il Liceo Scientifico Oriani – Indirizzo Sportivo. Apripista Libertas Nuoto Ravenna, che incontra gli alunni direttamente in piscina e per ogni classe affronta tematiche differenti: corso di nuoto per la prima classe, pallanuoto e nuoto sincronizzato per la seconda ed infine, per la terza classe, subacquea e corso di salvamento. Tutte le lezioni sono tenute da istruttori ed allenatori qualificati e contemplano teoria e pratica per ogni disciplina affrontata. Dopo Libertas Nuoto, a partire dal 25 novembre, anche Teodora Pallavolo Ravenna inizierà il suo percorso con gli alunni del Liceo, a seguire sarà la volta de La Compagnia dell’Albero, UISP Bassa Romagna e Rhythmic Ravenna. Il Progetto, oltre alla collaborazione pratica delle società sportive coinvolte, mette a disposizione della dirigenza scolastica anche borse di studio promosse da Decathlon Faenza, Ottima Srl e Ristorante Al Portico di Ravenna.
Teodora Pallavolo Ravenna, nella persona dell’allenatrice federale Dora Falchetti, in stretta collaborazione con la Professoressa Monica Trenta, referente per l’indirizzo sportivo, ha pianificato e messo in moto un intervento rivolto alle tre classi.

Il piano di intervento mira a formare sia gli atleti sia i futuri professionisti dello sport. Questo perché in ogni professione operante nei contesti sportivi è richiesto, oggi più che mai, un bagaglio di competenze specifiche acquisibili grazie a questo liceo che potrà poi agevolare il prosieguo universitario (Scienze Motorie, Sport e Salute; Scienza, tecnica e didattica dello sport; Scienza dell’attività fisica per il benessere; Scienze e Tecnologie del Fitness e dei prodotti della Salute…e tutti i corsi di laurea ad indirizzo medico, paramedico, scientifico e tecnologico).

Scopo di Teodora sarà quello di spiegare ai ragazzi frequentanti la prima cos’è la pallavolo, come si gioca, le regole e come si allena; agli alunni della seconda parlare delle figure  che lavorano e orbitano intorno alle società sportive, inoltre si parlerà di organizzazione di una società, di obiettivi, di definizione di ruoli,  di scelte societarie quindi di programmazione e inoltre di comunicazione che sta alla base di tutto; ai ragazzi di terza spetta la preziosa possibilità di incontrare le figure lavorative, e soprattutto di avere la possibilità, grazie all’alternanza scuola lavoro, di poterli affiancare nello svolgimento della loro attività.

Sono previsti incontri con:

– preparatori fisici esperti nella programmazione e nella conduzione dei programmi di allenamento,

– organizzatori e coordinatori di eventi sportivi agonistici,

– giornalisti sportivi,

– allenatori,

– procuratori sportivi,

– fisioterapisti,

– arbitri e scout men.

L’augurio di Teodora è quello di poter contribuire, attraverso questo progetto, alla formazione di nuove figure lavorative operanti nello sport business, nel management dello sport e in tutte quelle professioni legali legate a questa disciplina.

La Compagnia dell’Albero è tra le realtà del panorama sportivo ravennate che partecipano al progetto rivolto alle classi del Liceo Scientifico di Ravenna – indirizzo sportivo.

Sia la sezione calcio che la sezione pallacanestro della polisportiva hanno sviluppato dei percorsi rivolti alle classi 1°, 2° e 3° finalizzati ad approfondire una conoscenza a 360° di questi sport.

Tra novembre e dicembre si è svolto il primo ciclo di appuntamenti condotto dagli istruttori della pallacanestro e rivolto alla classe 2°, strutturato in quattro lezioni durante le quali sono stati trattati argomenti generali e specifici relativi al basket e che hanno visto i ragazzi cimentarsi sia nella pratica che nella teoria. Il percorso è proseguito a febbraio con le classi prima e terza. Lo staff della Compagnia dell’Albero, coadiuvato dal Professor Davide Ricco e dalla Professoressa Monica Trenta, ha affrontato con grande entusiasmo il percorso, alimentati dalla partecipazione costante e volitiva di tutti gli studenti che hanno avuto così la possibilità di affrontare con più competenza la verifica finale su questo sport.

A marzo è iniziato anche il percorso sviluppato dallo staff della Sezione Calcio della Compagnia, caratterizzato da un programma mirato a una formazione graduale e trasversale degli studenti, nell’arco di tutti e 5 gli anni del loro percorso formativo. Dalle nozioni sulla tecnica di base individuale, alla tattica di gioco, fino agli aspetti che riguardano l’organizzazione, il rapporto con l’esterno e il ruolo dei dirigenti, obiettivo è quello di dare ai partecipanti strumenti e conoscenze utili a capire come vive e si muove una società sportiva e quali figure professionali operano al suo interno. Gli interventi, sviluppati nel corso del trimestre marzo-maggio dagli istruttori Alessandro Zauli e Mattia Zanforlin, coinvolgono a rotazione le classi 1°, 2° e 3°.

La testimonianza dell’allenatore Alessandro Zauli: “Ho svolto 7 lezioni con tre differenti classi, una prima, una seconda e una terza, con l’obiettivo di porre l’accento sulla collaborazione presupposto fondamentale se si vuole parlare di uno sport di squadra come è il calcio. Il prerequisito per poterla applicare è la trasmissione della palla, che ho allenato più dal punto di vista tattico che tecnico, intendendo ciò come la ricerca del corridoio di passaggio, del contatto visivo tra possessore e ricevitore e del tempo giusto per l’effettuazione del gesto. Il metodo di lavoro è stato quello della pedagogia attiva, ovvero del coinvolgimento costante dei ragazzi nel processo di apprendimento attraverso esercizi di scoperta con successive domande a loro per fissare i principi. Nel finale della seduta ho proposto dei giochi a tema, ovvero partite inerenti all’obiettivo dell’allenamento e successive partite libere per verificare l’apprendimento degli argomenti svolti. Sono soddisfatto della partecipazione e del comportamento dei ragazzi anche grazie alla fattiva collaborazione della Professoressa Monica Trenta. In caso di maltempo abbiamo svolto lezioni in classe, ponendo l’attenzione su argomenti come l’etica nel calcio, la cultura dell’allenamento e la storia del calcio inserita nella storia d’Italia.”

Si è concluso martedì 13 giugno 2017, con la consegna delle borse di studio, il 1° anno del Progetto “Lo Sport in Rete” attraverso il quale diverse società sportive di Ravenna in collaborazione con il Liceo Scientifico Oriani – Indirizzo sportivo, hanno offerto agli studenti l’opportunità di ampliare le loro conoscenze del mondo sportivo.

Presso la sede del Liceo sono state premiate dal Preside, dott. Gianluca Dradi, con borse di studio offerte da Decathlon Faenza del valore di 100€, gli studenti con la più alta media scolastica per ognuna delle tre classi dell’indirizzo sportivo: Greta Pozzi (classe 1°), Michelle Zicche (classe 2°) e Federica Gori (classe 3°) .

Il Preside ha inoltre ringraziato gli sponsor, presenti alla premiazione, che hanno sostenuto e creduto in questo progetto permettendone la realizzazione: Ottima Formazione, Ristorante Al Portico, Ferrari e Decathlon Faenza.

A testimoniare il sostegno del Comune al progetto, alla cerimonia è intervenuto l’Assessore allo Sport del Comune di Ravenna Roberto Fagnani, che ha ribadito l’importanza dello sport nella vita dei giovani, indicandolo come uno dei fattori principali per la crescita. Qualità come l’importanza del lavoro di squadra, assumersi delle responsabilità e il sapersi organizzare, sono tutte caratteristiche utili non solo nel mondo sportivo ma anche in quello lavorativo.

È proprio questo l’obiettivo del progetto, quello di far sì che questi giovani studenti che hanno scelto lo sport come stile di vita riescano un giorno ad entrare a far parte e anche a migliorare, attraverso le loro capacità, il mondo lavorativo-sportivo.

Per la buona riuscita del progetto si ringrazia la professoressa delle tre classi del Liceo Sportivo Monica Trenta e le società sportive che hanno attivamente preso parte: Libertas Nuoto Ravenna, Teodora Pallavolo Ravenna, Compagnia Dell’Albero, Circolo Subacqueo Ravennate, SwimFit Nuoto Sincronizzato, Ravenna Pallanuoto, Rhythmic Ravenna e UISP Ravenna.

Vai alla photogallery del progetto

La Pagina Facebook del progetto

In collaborazione con

PROGETTO FINANZIATO DA

.            .        .