Per l’occasione tutti convocati per entrambi i gruppi. Sacrificio grande per i 21 del Villaggio che hanno giocato solo un tempino, ma che così facendo hanno dimostrato una bella maturità.

Partita molto sentita da tutti, come lo sono i derby. Parte forte il Villaggio, che dimostra maggiore consapevolezza, ma non crediate che la Torre non abbia venduto cara la pelle. Primo tempo Villaggio, secondo pari, terzo ancora Villaggio, ma di poco, e dopo una battaglia intensa. C’è più equilibrio di quello che sembra, i falli e le contese non si contano nemmeno più, nessuno vuole fare un passo indietro e regalare qualcosa agli altri. Quarto tempo Villaggio, quinto pareggio, sesto Torre. Finisce 14-10 per il Villaggio, ma le cose davvero belle, quelle per cui ti alzi al mattino, devono ancora succedere. E accadono subito, al “terzo tempo”, dove alla Torre entrano nelle rotazioni due bambini speciali che hanno visto il frutto di quattro mesi di lavoro: al canestro di uno dei due è un boato, Pala Costa in tripudio. D’un tratto, tutte le difficoltà sono scomparse ed aver regalato un sorriso a quei due ragazzini è stato l’highlight della mattinata. Un grande applauso a Luca e Giulia per averli inseriti assieme alla educatrice Michela della Cooperativa San Vitale. Oggi tutti e 35 (21 Villaggio e 14 Torre) avete dato una grande lezione di inclusione a tutti noi grandi, spesso vittime di pregiudizi, ma che il gioco, il nostro amato gioco, invece ci ha aiutato a superare. Metti in mano un pallone a dei bambini e le differenze scompaiono: non dimentichiamolo mai. E poi vedervi in costume al mare, insieme a giocare, ci ha doppiamente inorgoglito.

E ora testa e gambe agli ultimi 4 allenamenti della stagione, ultimo giovedì 1 giugno con la sfida Genitori (e affini) contro Figli. Mamme, babbi biologici e acquisiti, parenti, zii e nonni siamo pronti a sfidarvi! Non mancate.